Umano post umano. Come cambiamo, nel bene e nel male, in relazione alle nuove tecnologie? - Comune di Cotignola

Vai ai contenuti principali
 
 
Sei in: Elezioni del Pa... - Città e territorio - Eventi e manife... - Calendario eventi - Umano post umano. Come cambiamo, nel bene e nel male, in relazione alle nuove tecnologie?  

Umano post umano. Come cambiamo, nel bene e nel male, in relazione alle nuove tecnologie?

UMANO-post-umano

Umano post umano

Come cambiamo, nel bene e nel male, in relazione alle nuove tecnologie?

Un antropologo e un ingegnere informatico dialogano su presente e futuro dell'umanità.

Mercoledì 5 agosto 2020, ore 21.30

Parco “Domenico Conti”- Via Ungaretti/ Via Quasimodo, Barbiano

Ingresso gratuito, prenotazione obbligatoria

tel. 0545 908826-71 dalle 9 alle 13, dal lunedì al sabato

 

Riccardo Ciavolella

Riccardo Ciavolella è dottore in Antropologia della contemporaneità (Università Milano Bicocca) e in Anthropologie sociale et ethnologie (EHESS Parigi) con la menzione Félicitations du jury à l’unanimité (2008).

Le sue ricerche etnografiche si concentrano sui rapporti tra gruppi marginali e lo stato. La sua monografia “Les Peuls et l’Etat en Mauritanie. Une anthropologie des marges” (2010, Karthala, Parigi) fonda la propria riflessione sulla lunga esperienza di ricerca sul campo effettuata in Mauritania presso dei gruppi marginali di origine nomade. Studiando i rapporti di gruppi marginali, tra i quali dei rifugiati, con lo stato, Ciavolella si è interessato:

- agli impatti dell’azione e dell’amministrazione statale sulla vita concreta delle persone

- alla costruzione di soggettività politiche “dal basso” presso popolazioni rifugiate o meno, sul piano degli immaginari, dei tentativi di mobilitazione politica, di costruzione di nuove reti di socialità e delle tattiche di sopravvivenza, tra le quali in particolare la mobilità, a livello sia locale che transnazionale.

Queste riflessioni si sono sviluppate in seguito in prospettiva comparativa con nuovi campi etnografici in Mali e in Benin, nel quadro di due progetti di ricerca francesi e di un programma mondiale di ricerca sugli impatti dei cambiamenti globali sulle popolazioni saheliane, e con nuove piste di ricerca sui rifugiati africani in Europa.

Il suo maggiore contributo teorico riguarda il dibattito sul rapporto egemonia/subalternità e sulla costruzione dei “margini” degli stati contemporanei, dove si ridefiniscono i limiti tra l’inclusione e l’esclusione dalla cittadinanza.

 

Luca Foschini

Babianese, Maturità Scientifica al Liceo Scientifico “Gregorio Ricci Curbastro” di Lugo (indirizzo Tecnologico). Raggiunge fasi nazionali di tutte le olimpiadi delle scienze (Matematica, Fisica, Chimica, Informatica) e viene selezionato nella squadra italiana delle Olimpiadi Informatica nel 2000 (Pechino) e 2001 (Tampere). Rimarrà come assistente allenatore della squadra Italiana delle Olimpiadi di Informatica fino al 2003. Dopo la maturità entra al Sant'Anna di Pisa (classificatosi secondo su 273 partecipanti) nel 2001, consegue Laurea in Ingegneria informatica (con un semestre di anticipo, primo assoluto del Nuovo Ordinamento nell'Ateneo Pisano) e magistrale, entrambe con 110 e lode, con tesi magistrale in cybersecurity svolta all'Università della California, Santa Barbara (UCSB). Conquistato dalla California costiera, si trasferisce a Santa Barbara nel 2008, Consegue dottorato in Informatica Teorica nel 2012 con tesi su algoritmi di approssimazione. Lavora a Google e Ask.com come ingegnere del software allo stesso tempo. Nel 2012, poche settimane dopo il conseguimento del dottorato, fonda con altri 3 co-fondatori, di cui uno incontrato alle Olimpiadi di Informatica dieci anni prima e anch'esso emigrato negli USA, Evidation Health, una compagnia che oggi conta 200 dipendenti e ha ricevuto 100M in investimenti totali. A Evidation, Luca ricopre il ruolo di Chief Data Scientist, occupandosi di ricerca intelligenza artificiale su dati raccolti da sensori biometrici con applicazioni mediche di ampio spettro. Luca ha pubblicato numerosi lavori su riviste scientifiche sulla nascente disciplina della "medicina digitale". Quando non analizza dati lo trovate a campeggiare in parchi naturali, scalare, o sulle spiagge di Santa Barbara a fare surf e giocare a beach volley.