'Leonardo e gli Sforza', una conferenza con il prof. Carlo Pedretti - Comune di Cotignola

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Città e territorio - Eventi e manife... - Calendario eventi - 'Leonardo e gli Sforza', una conferenza con il prof. Carlo Pedretti  

'Leonardo e gli Sforza', una conferenza con il prof. Carlo Pedretti

Giovedì 8 ottobre 2015, alle ore 18,  si terrà nella prestigiosa cornice di Palazzo Sforza a Cotignola la conferenza dal titolo Leonardo e gli Sforza . L'evento, organizzato dal Comune e dall'Assessorato alla Cultura di Cotignola, in collaborazione con l'Università degli Adulti di Lugo, sarà onorato dalla presenza dell'illustre professor Carlo Pedretti, massimo esperto al mondo del genio vinciano.

Dopo il saluto del Sindaco Luca Piovaccari, interverranno:

- Prof. Domenico Savini: Cotignola madre di eroi. Gli Sforza da guerrieri a mecenati di Leonardo.

- Prof.ssa Raffaella Zama: «in duy ochij»: I pittori da Cotignola per alcuni ritratti sforzeschi .

- Dott.ssa Sara Taglialagamba: Ordine, bellezza e invenzione. Leonardo alla corte degli Sforza.

- Prof. Emerito Carlo Pedretti: Francesco Sforza. Un itinerario che inizia da San Miniato al Monte.

 

Carlo Pedretti è bolognese di nascita, docente di storia dell’arte presso l’Università della California a Los Angeles, titolare della cattedra di studi vinciani presso l’UCLA, è direttore del Centro di Studi su Leonardo istituito da Hammer presso la stessa università. Membro della commissione ministeriale per l’Edizione Nazionale dei Manoscritti e dei Disegni di Leonardo da Vinci, dal 1944 ha pubblicato oltre settanta libri e più di cinquecento fra saggi, articoli e cataloghi di mostre. Fra i numerosi riconoscimenti ricevuti in tutto il mondo, Carlo Pedretti annovera, in primo luogo, la medaglia d’oro del Presidente della Repubblica Italiana riservata ai “Benemeriti della Cultura”, nonché‚ il titolo di “Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana”, entrambi del 1972. Allo stesso anno risale la “Congressional Citation”, che è la massima onorificenza conferita dal governo degli Stati Uniti. È inoltre cittadino onorario di Pennabilli (2015), Lamporecchio (2013), Romorantin (2011), Firenze (2010), Arezzo (2002) e di Vinci (2008). La sua attività giornalistica, con la quale ha iniziato la sua carriera oltre cinquant’anni fa (ha collaborato al «Sole- 24 Ore» ed è ora un regolare delle pagine culturali del «Corriere della Sera» e de «L’Osservatore Romano»), lo ha portato a occuparsi anche di cinema, sia come autore sia come attore e consulente di produzione e di regia.

Sara Taglialagamba  è una storica dell’Arte che si è dedicata ad approfondire lo studio della vita e delle opere di Leonardo Da Vinci. Dopo la Laurea in Conservazione dei Beni Culturali all’Università di Pisa e la Specializzazione all’Università di Siena, ha concluso un Dottorato in Storia dell’Arte alla Scuola Superiore di Alti Studi di Santa Chiara, Università di Siena. Attualmente è borsista al Corso di Perfezionamento in Civiltà dell’Umanesimo e del Rinascimento della Scuola Normale presso l’Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento a Palazzo Strozzi a Firenze e sta concludendo il Post Dottorato all’Ecole Pratiques des Hautes Etudes della Sorbona a Parigi.
Dal 2003 collabora attivamente con il professore emerito Carlo Pedretti, dedicandosi a numerosi progetti sia in Europa sia in America.

Domenico Savini  è nato a Cotignola, vive e lavora a Firenze. Insegnante di Storia delle grandi famiglie all’Università per Adulti di Faenza. Collabora con l’Istituto Storico Italiani nel Mondo ed importanti testate. Tiene abitualmente conferenze su argomenti storici e araldici in Italia e all’estero.

Raffaella Zama è docente di Storia dell’Arte, ai suoi studi sui pittori di Cotignola e all’incontro con Federico Zeri si devono le monografie su Gli Zaganelli (1994) e Girolamo Marchesi (2007), da cui han preso vita le schede nel catalogo generale della Pinacoteca Nazionale di Bologna e le consulenze alle case d’asta Christie’s, Sotheby’s e Dorotheum. All’arte della sua terra ha dedicato saggi pubblicati in alcuni periodici; ora cerca di far luce su antichi dipinti e violini trafugati dalle truppe naziste e sul misterioso arrivo in Romagna di una Madonna di Dürer.

Scarica il pieghevole (1.112kB - PDF)