Commemorazione di Don Stefano Casadio - Comune di Cotignola

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Città e territorio - Eventi e manife... - Calendario eventi - Commemorazione di Don Stefano Casadio  

Commemorazione di Don Stefano Casadio

Nella mattina di sabato 25 maggio, alle ore 10, presso l'Aula Magna delle Scuole Medie di Cotignola, l'Amministrazione comunale di Cotignola ricorderà Don Stefano Casadio nel 100° anniversario della nascita (1913-2013).

All'evento, che si svolgerà nell'Istituto Comprensivo intitolato al sacerdote cotignolese, interverranno Antonio Pezzi, sindaco di Cotignola, Dino Facen, capogruppo di «Libera Lista» in Consiglio comunale a Cotignola, e Dario Pipitone, pronipote di Don Stefano Casadio.

Era l’aprile del 1945, il paese era quasi cancellato da quei bombardamenti che si erano ripetuti, ininterrotti, per cinque lughissimi mesi. Solo il 20% delle case era rimasto in piedi. Gli Alleati, di là dal fiume Senio, sulla sponda destra, continuavano a bombardare per avanzare, considerando Cotignola una roccaforte tedesca. È grazie a quella che tutti i cotignolesi ricordano orgogliosamente con il nome di “Operazione bandiera bianca” che si mise in salvo quanto era rimasto. Un atto di coraggio, emblematico, che vide unirsi due uomini profondamente diversi: Leno Casadio, capo partigiano, e Don Stefano Casadio, capo religioso. Due uomini diversi, uniti dallo stesso cognome, pur non essendo parenti, e dalla stessa volontà di salvare e proteggere. Insieme attraversarono il Senio su una passerella sventolando un lenzuolo bianco, attraversarono i campi minati per arrivare fino agli Alleati, convincendoli ad arrestare i bombardamenti perché gli unici tedeschi rimasti erano prigionieri dei partigiani.