1 - DIETRO OGNI MATTO C'È UN VILLAGGIO – COLLETTIVO FX - Comune di Cotignola

Vai ai contenuti principali
 
 
Sei in: Home - Città e territorio - Dal museo al pa... - 1 - DIETRO OGNI MATTO C'È UN VILLAGGIO – COLLETTIVO FX  

1 - DIETRO OGNI MATTO C'È UN VILLAGGIO – COLLETTIVO FX

[Via Matteotti]

Tra l'autunno e l'inverno 2015 il collettivo reggiano FX ha avviato un progetto intitolato “Dietro ogni matto c'è un villaggio" che attraverso varie e molte tappe ha percorso quasi l'Italia intera da Bolzano a Marsala, dipingendo matti, raccontando storie e conoscendo paesi. Queste le città toccate dagli artisti della street art: Bolzano, Mantova, Oderzo, Modena, Cotignola, Cesena, Pesaro, Jesi, Teramo, Roma, Napoli, Bonito Irpino, Ariano Irpino, Grassano, Cosenza, Messina, Mazara del Vallo e Marsala.

A Cotignola il Collettivo FX ha deciso di rappresentare i matti del paese immortalati dall'artista Luigi Varoli nelle sue straordinarie maschere di cartapesta fatte quasi settantanni fa in occasione della prima Segavecchia del dopoguerra. Questi mascheroni, ora conservati al museo nella sede di Palazzo Sforza sono le caricature, estremamente realistiche e commoventi, di alcuni personaggi a Cotignola conosciuti praticamente da tutti: Gori, La Flema, Maroc, La Rusita… che propriamente matti non erano, ma bevitori e perdigiorno, macchiette talvolta, scocciatori, portatori di quella sorta di saggezza popolare fissata per sempre nella memoria del paese dal tramandarsi orale delle loro fulminanti battute e (oziose) gesta, e infine legittimati definitivamente dal gruppo mascherato che l'artista Varoli dedicò loro mettendo le loro grandi teste a bordo di una botte per il vino intitolata “Ruscaia” (spazzatura, rifiuto), improbabile mezzo che portava in giro per il paese le caricature in cartapesta di questi avvinazzati; sul fianco di questo carro che sfilava in parata c'era una scritta in dialetto che diceva “...le piò bo seza l'aqua ([il vino] è più buono senza l'acqua) proprio perché alcuni di questi soggetti giravano per le case chiedendo un obolo che placasse provvisoriamente la loro sete, e la gente, a volte stufa di queste reiterate e richieste che ogni giorno si rinnovavano, soleva talvolta allungare il vino appunto, con l'acqua. Un inganno bello e buono che mandava in bestia i nostri eroi…

Foto1

A questa combriccola di vagabondi e personaggi bizzarri ed estrosi Luigi Varoli aggiunse anche,empaticamente, anche la sua caricatura, armata di tavolozza e pennello…

Il collettivo Fx, come da sua pratica, che stabilisce ogni volta relazioni e collaborazioni sul luogo e territorio in cui opera, ha coinvolto per questa tappa cotignolese Massimiliano Fabbri, artista che si occupa anche del Museo Varoli e della Scuola Arti e mestieri; la scelta narrativa dei due muri che hanno dipinto, mostra dei bambini nell'atto di indossare queste maschere di vecchi un po' burberi.

Un gioco quindi, e una trasformazione anche. Che forse i matti veri sono i bambini tutti, capaci di rovesciare le regole, di creare nuovi percorsi, aprire sentieri inesplorati e offrire modi di vedere e mondi, di ribaltare il consueto…. E poi è la stessa maschera che in fondo è uno strumento magico potentissimo che permette di cambiare pelle, di diventare o tornare matti, almeno per un po', o altro da sé.

Sul muro a sinistra sono raffigurati La Flema (Giuseppe Cannatieri) che galleggia o vola dentro a un fumettistico baloon che esce dalla bocca di Lugi Varoli, e a destra due bambini che armeggiano con una maschera gigante di Gori (Brusi).

FX è un collettivo che ha come obiettivo inquinare il cemento armato urbano e di campagna. Sonoesclusi gli stabili già deturpati dal tempo e dal buongusto, come palazzi, chiese, castelli, etc.Le incursioni o intrusioni sono realizzate direttamente dal Collettivo o in modo Collettivo cioècoinvolgendo numerose persone che agiscono utilizzando il materiale prodotto dal collettivo(stickers, manifesti, quadri). Realtà ormai consolidata a Reggio-Emilia in materia di street art, iragazzi del Collettivo FX lanciano una nuova sfida: ricordare agli italiani uno dei principifondamentali della costituzione, l’Art.9.

La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela ilpaesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione .”

Foto2

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse