Biblioteca - Comune di Cotignola

Vai ai contenuti principali
 
 
Sei in: Home - Città e territorio - Biblioteca  

Biblioteca

biblioteca comune cotignola

Indirizzo:  La Biblioteca "Luigi Varoli" è situata in Corso Sforza n. 24
Telefono:  0545/908874
FAX:  0545/41574
E-MAIL:   varoli@sbn.provincia.ra.it

Orari di apertura al pubblico: 
INVERNALE : dal  lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 18; martedì e venerdì dalle 9 alle 12; sabato dalle 9 alle 12.

ESTIVO : dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12.30; il giovedì dalle 15 alle 18.

Recapiti:
Corso Sforza, 24
48010 Cotignola (Ra)
tel. 0545 908874
Pagina Fb Cotignola Notizie

blbioteca comune cotignola

Aree di interesse:
Informazione generale con particolare attenzione alla narrativa italiana e la storia locale.
Servizi:
-Prestito locale (fino a 4 opere per 1 mese)
-Prestito interbibliotecario
-Prenotazioni documenti
-Consultazione
-Consulenza
-Biblioteche di classe
La Biblioteca possiede 17.500 volumi.
Fondi speciali:
Fondo "L.Varoli" (arte), Fondo "Testi" (Medicina), Fondo "C. Gamberetti" (marina militare, ebraismo)
Patrimonio documentario:
Altri materiali: 200 VHS, in particolare Films, 120 CD Musicali (Rock e Cantautori)
Sezione ragazzi: 3000 volumi, 5 periodici.
Periodici:  5 in corso

biblioteca comune cotignola

CHI E' LUIGI VAROLI
La biblioteca è intestata a Luigi Varoli perché è un importante esponente della cultura cotignolese.
Nato a Cotignola il 23 settembre 1889, Varoli iniziò la sua carriera artistica a 12 anni come ceramista. Dopo aver appreso a Lugo i primi elementi del disegno del Visani, si iscrisse nel 1914 all'Accademia di Ravenna dove continuò gli studi sotto la guida di Vittorio Guaccimanni. Conseguì il diploma all'Accademia di Bologna nel 1920, ottenne due anni dopo la licenza dei corsi superiori di pittura in Roma a pieni voti.
L'8 ottobre 1931, a dimostrazione del suo eclettismo artistico, si diplomò contrabbassista presso la Regia Accademia Filarmonica di Bologna. Espose in varie mostre nazionali e a Parigi, al Salone degli Indipendenti. Diresse per vario tempo la rivista . Avviò Laboratori di ceramica in molte città romagnole e a Roma. Fece parte, più volte, di giurie in concorsi nazionali e regionali . Dirigeva, come aveva fatto per gran parte della sua vita, la scuola di disegno del suo paese nativo e da qualche anno insegnava figura al Liceo Artistico di Ravenna, quando lo colse la morte il 25 settembre 1958.

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse